Cookies

Certe Luci non puoi spegnerle

“CERTE LUCI NON PUOI SPEGNERLE” - EVENTO BENEFICO A FAVORE DELLA RICERCA SUI TUMORI

SABATO 26 OTTOBRE si svolgerà uno spettacolo musicale a tutto tondo che conterrà al suo interno momenti di puro divertimento insieme a spazi dedicati alla riflessione. Obiettivo principale: raccogliere fondi da destinare alla ricerca sui tumori e alle associazioni di auto aiuto del territorio.

  • CENTRO POLIVALENTE - VIA THARROS - ORE 16:00

  • PIAZZA DON LUIGI STURZO - ORE 19:00

INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE al Centro Polivalente

A dare avvio alla prima edizione della manifestazione, alle ore 16:00 nel Centro Polivalente di via Tharros, il convegno dal titolo Ricerca e Prevenzione: strumenti di supporto nella lotta al tumore, che vedrà la partecipazione di personalità di spicco nel campo dell’oncologia e della salute fisica. Interverranno il dott. Tito Sedda, direttore del reparto di Oncologia dell’Ospedale San Martino di Oristano, il dott. Antonello Trincas, specialista in Scienze dell’Alimentazione e in Medicina dello Sport, il dott. Giuseppe Obinu, coordinatore dell’Hospice di Oristano, insieme ai rappresentanti di due delle associazioni partecipanti: Eralda Licheri, presidente della sezione provinciale della Lilt e Maria Delogu, presidente dell’associazione “Komunque Donne odv”.

MUSICA E DIVERTIMENTO nella piazza Don Sturzo

A Marco Coa, Direttore Artistico dell’evento, il compito di illustrare nel dettaglio come si svolgerà la manifestazione e quali saranno gli artisti che calcheranno il grande palco allestito nella piazza Don Sturzo.

Si parte subito dopo il convegno, nel piazzale allestito con i gazebo delle associazioni Airc, Lilt, Komunque Donne e Abbracciamo un sogno. Si potrà accedere alla piazza con una libera offerta ma le donazioni potranno essere fatte anche presso i vari stand, che accoglieranno chiunque voglia approfondire il tema centrale della serata.

Alle ore 19:00 la piazza sarà immersa nelle atmosfere del folklore sardo grazie alla partecipazione delle maschere tipiche del carnevale isolano, dei paesi di Teti, Bosa, Scano di Montiferro, Macomer e Samugheo. L’organetto darà poi il via alle danze del gruppo folk “Gli scalzi” di Cabras.

Alle 21:00 Piero Marras sarà il primo degli artisti a rendere omaggio alla causa. Cantautore sardo per eccellenza, come tutti gli altri ha sposato in pieno l’iniziativa partecipando a titolo gratuito. A seguire, L’Armeria dei Briganti, veri e propri teatranti il cui motto è “dateci un palco e vi solleveremo il morale”. Sarà quindi la volta dei Janas, coloro i quali hanno portato la coralità nelle piazze unendola alla musica più moderna. “Per finire abbiamo scelto i Zirichiltaggia – conclude Marco Coa - unica tribute-band partecipante, perché ci sembrava bello ricordare una figura come quella di Fabrizio De Andrè, particolarmente legata alla nostra Isola”.

Pilota dell’evento sarà Gennaro Longobardi, personalità solare, attenta alle tematiche trattate, ma capace di affrontarle in maniera positiva e leggera.

Durante la serata i momenti di sensibilizzazione saranno affidati al racconto del grande risultato raggiunto dalla provincia di Oristano con l’apertura dell’Hospice, una struttura che si occupa di accompagnare il malato in maniera dignitosa al fine vita e che offre la possibilità di usufruire delle cure palliative durante percorsi che mettono a dura prova il paziente.

Il responsabile scientifico del CReS, Andrea Giuseppe De Lucia, parlerà invece del problema delle plastiche e del loro impatto sull’ecosistema.

Nell’anno del plastic free non si poteva prescindere dall’uso di materiali biodegradabili per la distribuzione di cibi e bevande. Gli avventori potranno contribuire alla raccolta fondi anche con l’acquisto di prodotti enogastronomici offerti dall’organizzazione, con il contributo e la collaborazione dello chef Salvatore Camedda, patron del ristorante “Somu” di Oristano.