Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Tharros

Tharros

La città di Tharros sorge all’estremità meridionale della Penisola del Sinis, una regione che fin dal IV millennio a.C. appare interessata da fenomeni antropici importanti. La città venne fondata probabilmente alla fine dell’VIII secolo a.C. da genti fenicie in un’area già frequentata in età nuragica.

Della fase fenicia, di cui non si conosce l’abitato, rimangono poche testimonianze relative essenzialmente ad ambito funerario e votivo. Le tombe ad incinerazione di Capo S. Marco e dell’area di S. Giovanni di Sinis erano note già dall’Ottocento, mentre i materiali più antichi del tophet, il tipico santuario fenicio-punico a cielo aperto con all’interno le urne contenenti i resti incinerati dei bambini e degli animali sacrificati e le stele, veri e propri signacoli in pietra con il simbolo o l’immagine della divinità, ci mostrano un santuario già attivo nel VII sec. a.C.

Nella seconda metà del VI secolo, momento di grandi cambiamenti non solo in Sardegna per il prevalere della politica espansionistica di Cartagine, Tharros non sfugge alla conquista da parte della città africana. A partire da questo momento si assiste alla monumentalizzazione della città, con la costruzione di numerosi edifici, tra cui il cosiddetto tempio monumentale o “delle semicolonne doriche”, e dell’imponente cinta fortificata che chiude la città da possibili attacchi da terra; il tophet, che viene ora compreso all’interno dello spazio fortificato, continua la sua attività; nell’area immediatamente ad ovest dello stesso, si impianta alla fine del V sec. a.C. un importante quartiere artigianale specializzato nella lavorazione del ferro.

Di età punica sono le tombe a camera scavate nel banco roccioso di Capo S. Marco e, più a nord, presso il villaggio moderno di S. Giovanni di Sinis. Queste, costituite da un vano d’accesso, per lo più provvisto di una gradinata, e da una camera sepolcrale molto semplice, ospitavano inumati, spesso deposti con ricchi corredi. Provengono proprio da queste tombe molti dei numerosissimi reperti che oggi si trovano custoditi presso i maggiori musei sardi, italiani e stranieri.

A partire dalla conquista romana della Sardegna (238 a.C.) si avvia quel processo di profondo cambiamento che avrà compimento solo in età imperiale.

Ad età repubblicana (II sec. a.C.) viene attribuita la risistemazione delle fortificazioni di Murru Mannu, con un rifascio in grossi massi in basalto e l’innalzamento di un muro di controscarpa, che va a delimitare un largo e profondo fossato. Quanto agli edifici di culto, particolare è il cosiddetto “tempietto K” (II secolo a.C.).

È tuttavia in età imperiale che la città subisce i maggiori mutamenti. Viene effettuata una imponente risistemazione urbanistica e attorno al II secolo d.C. le strade vengono dotate di una pavimentazione in basalto, con un sistema fognario molto articolato che garantisce lo smaltimento delle acque bianche. Vengono costruiti numerosi edifici pubblici monumentali, tra cui i tre impianti termali e una struttura definita dal suo scopritore “castellum aquae” per il possibile collegamento con l’acquedotto. Quanto alle aree funerarie, esse appaiono più ampie e più estese rispetto al periodo precedente; le necropoli puniche di Capo S. Marco e di S. Giovanni vengono ancora frequentate, soprattutto nei primi secoli della conquista romana, ma si assiste ad una espansione delle stesse, nel primo caso occupando tutto l’istmo, il versante occidentale dei colli di S. Giovanni e Murru Mannu, nel secondo spostandosi verso l’interno, con importanti attestazioni anche nell’area in cui nel V secolo d.C. sorgerà la chiesa di S. Giovanni.

In età paleocristiana e altomedievale i principali edifici romani, ed in particolare le terme, subiscono delle risistemazioni. Purtroppo il continuo spoglio delle strutture antiche, perpetuato per secoli, ha notevolmente pregiudicato la ricostruzione di questa fase tarda della storia di Tharros. Sappiamo di una lenta decadenza, dovuta anche alle incursioni dei Saraceni, e di un lento spopolamento, sebbene la sede episcopale sia rimasta ancora a lungo nella città.

È solo nell’XI secolo, precisamente nel 1071, che la sede episcopale viene trasferita ad Oristano, decretando, o meglio prendendo atto, della fine del centro antico.

Le ultime ricerche nella necropoli meridionale di Tharros


Dopo un intervallo di oltre un secolo, nel 2001 si sono avviate nuove indagini nella necropoli meridionale, celebre per aver restituito nell'Ottocento, i famosi ori di Tharros. L'area funeraria, utilizzata dalla comunità Tharrense da epoca fenicia  fino a quella romana, è costitituita da strutture, scavate nella roccia, del semplice tipo a fossa o del più complesso tipo a camera ipogeica, preceduta da un corridoio gradinato. La missione di scavo, condotta dall'
Università di Bologna e dalla Soprintendenza Archeologica, in collaborazione con l' Università di Cagliari , ha riportato alla luce ampi lembi dell'antica area funeraria che ha restituito, nonostante le note violazioni  ottocentesche, importanti testimonianze dei ricchi corredi e dei rituali funerari, in particolare di età punica. Sono stati recuperati abbondanti materiali ceramici, talvolta integri, amuleti, gioielli e manufatti metallici di utilizzo rituale o di impiego pratico che, dopo un attento studio e restauro, verranno esposti al Museo Civico di Cabras. L'area della necropoli, che continuerà a essere indagata negli anni a venire, verrà al più presto ripristinata e restituita alla fruizione dei visitatori.

Tharrus


Sa tzitadi de Tharrus est collocada in su càbudu de sa penìsula de Sinis, unu logu chi fintzas de su millénniu IV innantis de Cristus aiat connotu fenòmenus antròpicus de iudu. Sa tzitadi est a crei chi dd’essint fundada genti fenìcia in s’iscoada de su séculu VIII innantis de Cristus, in unu logu abitau giai in s’edadi de is brachis.
 
De sa fasi fenìcia, de innui non s’est pòtziu connosci su populau, abarrat pagu sìnnias e s’imprus ferint a su funeràriu e su cultuali. Is tumbas de chinixus de su Càbudu de Santu Marcu e de Santuanni de Sinnis S. Giovanni di Sinis fuànt connotas fintzas de s’Otuxentus, candu chi is materialis prus antigus de su tophet, su santuàriu annotau fenìciu-pùnicu a chelu iscobertu chi aintru ddoi fut is urnas de chinixus de is pipius e is arimalis sacrificaus, e is pedras fitas, a usu de panderas de pedra ca portant su marcu o sa figura de sa divinidadi, marcant chi su santuàriu fut operendi giai in su sec. VII innantis de Cristus.
In sa segundu metadi de su séculu VI, momentu de cambiadas mannas non po sa Sardìnnia isceti po essi bincendi sa polìtica espansionìstica de Cartàgina, Tharrus non si campat de essi cuncuistada de sa tzitadi africana. De cuss’ora in susu primìtziat sa monumentalizatzioni de sa tzitadi, cun su pesai fàbbricus medas comenti e cussu chi narant su témpiu monumentali o “de is mesu-antas dòricas”, e sa muràglia poderosa chi incortillat sa tzitadi po dda difendi po imbistidas chi essint pòtziu fai de parti de terra; su tophet, chi imoi abarrat aintru de su logu murau, si sighit a portai; in peis de cussu in s’àrea de parti de maistrali pesant, in finis de su sec. V innantis de Cristus, unu bixinau de ferreris sinnalau.
De s’edadi pùnica funt is tumbas a domu bogadas in s’arrocarxu de su Càbudu de Santu Marcu, e prus a parti de tramuntana puru, a su deretu de su populau modernu de Santuanni de Sinnis. Cussas funt fatas de una càmbara a intrai, su prus prevìdia de iscaleris, e de una càmbara a usu de sepurcu giai ispollada; allogiant is sepultaus acumpangiaus a bortas meda cun cobertorxus arricus. De custas tumbas etotu aiant bogau meda de totu sa cantidadi de repertus chi funt arregortus oindii me in is museus magioris sardus, italianus e istràngius.
 
De s’ora de sa concuista arromana de sa Sardìnnia in susu (238 innantis de Cristus) s’incarrerat su processu poderosu de cambiamentu chi s’iat a cumpriri isceti in s’edadi imperiali.
 
A s’edadi repubblicana (sec. II innantis de Cristus) si datat s’acònciu de is muràglias de Murru Mannu, cun una fascadura de pedras mannas de fogu e su fàbbricu de unu muru de contrafossu, innui totu arrematat unu fossu ladu e fungudu. Po is fàbbricus de cultu etanti, est a notai cussu chi narant su “tempieddu K” (séculu II innantis de Cristus).
 

Est, comenti sisiat, in s’edadi imperiali chi sa tzitadi connoscit is mudòngius prus mannus. S’òperat un’assestu urbanìsticu poderosu e fachi a su séculu II innantis de Cristus istèrrint is arrugas a impedrau de pedra de fogu, e ddas previdint de unu sistema articulau meda de cundutus po iscarrigai is àcuas biancas. Si pesat una cantidadi de fàbbricus pubblicus monumentalis, comenti e is tres impiantus de bàngius e unu fàbbricu chi su chi dd’aiat iscobertu dd’aiat nau su “castellum aquae” po essi istau fortzis parti de s’acuedutu. Po is àreas funeràrias etanti, custas arrasurtant prus mannas e ladas chi no innantis; is necròpolis pùnicas de su Càbudu e de Santuanni funt abitadas ancora, massimamenti a primus sèculus de sa concuista arromana, ma benint a cresci, sa primu pighendi-ndi s’ìstmu totu e s’ala de maistrali de is cùcurus de Santuanni e Murru Mannu, sa segundu movendi a manu de aintru, cun apendìtzius fintzas in s’àrea de innui in su séculu V a pustis de Cristus iant a pesai sa chiesa di San Giovanni crèsia de Santuanni.

In s’edadi paleocristiana e mesulana arta is fàbbricus printzipalis arromanus, e prus e prus is bàngius, funt sugetus a acòncius. A dolu mannu s’isarrobatòriu contìnuu de is assètius antigus, durau me in is sèculus, at brivau meda sa ricostrutzioni de custa fasi tarda de s’istòria de Tharrus. Iscideus de ai tentu abbacamentu lentu, fintzas po is acostadas de is Sarraghinus, e ispopulamentu lentu etotu, si puru siat abarrau in logu s’assètziu episcopali po ora meda ancora.
Est infinis in su séculu XI, e prus a pretzisu in su 1071, chi s’assètziu episcopali nchi passat a Aristanis disponendi aici, o mellus acurnotendi-sì, po s’isperdimentu de su populau antigu.
 

Is ùrtimas chircas me in sa necròpoli meridionali de Tharrus

Apustis de unu trasinu de prus de unu séculu, in su 2001 aiant incarrerau chircas torra in sa necròpoli meridionali, mentuada po nch’ai aciapau, me in s’Otuxentus, sa famosa oreria de Tharrus.

 

S’àrea funerària, pratigada de sa comunidadi tharresa de s’època fenìcia fintzas a cussa arromana, est formada cun tumbas bogadas in s’arroca chi funt o de cussas fatas a usu de fossa o de cussas prus cumplessas a càmbara ipogèica, cun passadissu de iscaleris a intrai. Sa missioni a iscarrovai, dirìgia de s’ Universidadi de Bologna  e sa Soprintendèntzia Archeològica, a manus a pari cun s’ Universidadi de Casteddu  nd’at torrau a apillai iscaparronis mannus de s’àrea funerària antiga de innui s’est iscrùfiu, cun totu de is furas de s’Otuxentus connotas, arrastus nodius de cobertorxus arricus e de is ritualis funeràrius, prus a notu cussus pùnicus. Nd’aiant arrennuiu unus istrexus medas de terra, ca nd’aiat fintzas intreus, pungas, prendas e manufatus metàllicus po usu de tzirimònia o de manìgiu chi, a pustis de un’òpera atenta de istùdiu e arristoru, ddus’ant a aparai in su Museu Cìvicu de Crabas.
 
S’àrea de sa necròpoli, chi s’at a sighiri a cumpudai in su benidori, s’at a torrai a assentai cantu su prus prestu po dda torrai a bisitai su pùbblicu.








Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)