Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Solanas (frazione di Cabras)

SOLANAS

 FRAZIONE DI CABRAS

 Notizie storiche

 

Solanas, in  epoca medievale era un piccolo centro abitato chiamato “Salanis”. Il luogo in cui sorse era molto popolato già in epoca  fenicia in quanto faceva parte del territorio di  Tharros, città di grande importanza che sorgeva a poca distanza.
Nel  Medioevo,  il centro abitato faceva  parte della  Curatoria  del Campidano Maggiore o di Cabras. All’inizio dell’XI secolo,  durante il Giudicato di Arborea, il giudice  Gonario  Comita de Gunale era  chiamato “De Salanis” per indicare la sua provenienza da questo paese. Il paese (“villa”-bidda) di Solanas, risentì molte volte delle sorti del paese vicino, (villa-bidda) di Cabras. Nell’anno  1324 naque il Regno di Sardegna , annesso alla Corona d’Aragona, in un primo tempo alleato e in seguito nemico del Regno di Arborea. I rappresentanti di Solanas presero parte   alla “Corona della Curatoria”  e nel 1388   sottoscrissero  la pace, che fu di breve durata,  tra i due stati belligeranti. A causa della guerra,  il Regno di Arborea  si ridusse. Nell’anno 1410  Solanas  divenne un piccolo centro abitato  del Regno Catalano-Aragonese di Sardegna. In seguito, i centri che fecero parte della Curatoria del Campidano Maggiore, insieme a quelli  delle Curatorie del Campidano di Simaxis e del Campidano di Milis entrarono nel Marchesato di Oristano e furono cedute a Leonardo Cubello. Dopo la fine della famiglia Cubello, nel 1470, il Marchesato di Oristano passò a  Leonardo d’Alagon della stirpe degli ultimi giudici di Arborea  che si proclamò “difensore dei sardi”  ma gli fu confiscato  il 15 novembre del 1477 dopo la  sua  ribellione al  Viceré aragonese Niccolò Carros  di Arborea.  Quest’ ultimo si adoperò affinché  Giovanni II di Aragona  “il senza fede” condannasse  Leonardo Alagon per  i delitti di lesa maestà e fellonia. Il feudatario sardo, in questo modo provocò un alterco che inizialmente vide gli aragonesi asserragliarsi a Cagliari e ad Alghero,  in un secondo tempo  finì disastrosamente , con la battaglia nei pressi Macomer del 19 maggio 1478  quando i ribelli sardi furono sconfitti.   Leonardo d’Alagon con i pochi fedeli rimasti fuggì a Bosa con l’intenzione di andare a Genova , ma fu catturato in mare e consegnato all’ammiraglio catalano-aragonese Giovanni  Vilamarì che lo condusse  a Valenza , nella prigione di  Xativa, dove rimase recluso  fino alla sua morte avvenuta nel 1494. In seguito alle richieste dei cittadini di Oristano di lasciare unito il feudo,  nel 1479, Ferdinando il Cattolico assunse  il titolo  di Marchese di Oristano  e unì una volta per tutte il feudo al Patrimonio reale, istituendo la carica di  “arriccidori  del Marchesato di Oristano e cussorgia del  Goceano”(1481-1560), successivamente modificata in   “Reggente della tesoreria generale del Regno”. Si crede che nell’età moderna  Solanas  abbia subito molte volte gli attacchi dei pirati barbareschi che arrivarono nel campidano per fare razzie. Nel 1647 ci fu una grande invasione di cavallette che causò  ingenti danni ai raccolti e all’economia del luogo. Nel 1652 il centro abitato fu colpito dalla peste.  A causa di queste disgrazie Solanas rischiò lo spopolamento ma la forza d’animo degli abitanti permise alla comunità di rimanere nel paese. Nell’anno 1767 Solanas era già entrata a far parte del Marchesato d’  Arcais,  formato dalle terre che facevano parte del Marchesato di Oristano di proprietà del Marchese d’Arcais  Damiano Nurra, il quale  riceveva le tasse provenienti da  questi possedimenti. Queste nuove condizioni erano molto favorevoli per Solanas e per tutti i paesi dei tre Campidani ( Cabras, Milis, Simaxis) tanto che i vassalli si rifiutarono di pagare i tributi feudali.  Col passare degli anni,dal 1780 al 1785 le richieste di nuove tasse alle popolazioni si aggravarono sempre di più e  ci furono proteste e malcontento.  La popolazione era oppressa e doveva pagare forzatamente i diritti baronali. Nel mese di agosto del 1789, la “villa” di Solanas, feudo del Marchese di Arcais rifiutò di pagare e di consegnare i diritti baronali nei “magazzini feudali”. Circa ottanta abitanti di Solanas, uomini e donne,  si ribellarono quando cinque soldati cercarono di far pagar loro ciò che dovevano con la forza. I solanesi obbligarono i soldati a ritirarsi e a sospendere qualsiasi azione contro di loro.  L’esempio di Solanas fu seguito anche dalla popolazione di Donigala, senza usare la forza. L’atto di ribellione dei solanesi non rimase impunito: i capi del movimento popolare Francesco  Enna, Vincenzo Muscas, Giovanni Marras e Luigi Ligia pagarono a caro prezzo la ribellione contro il Re, tanto che il primo fu condannato a dieci anni di prigione, il secondo a cinque e tutti gli altri a tre anni. Morto il Marchese Damiano Nurra  il feudo passò al nipote Francesco Flores che lo riscattò nel mese di maggio del 1838.  Con il Regio Decreto numero 19 del 5 gennaio 1928 il Comune di Solanas fu unito a quello di Cabras e ne divenne frazione, apportando circa 1.150 abitanti.  

A cura del Dott. Marco Meli – Servizi Demografici del Comune di Cabras.

SOLANAS

FRATZIONI DE CRABAS

Una pariga de novas istòricas


Solanas est una bidda chi s’agatat aprigu de sa costa centru ocidentali de sa Sardigna, acanta acanta de su golfu de Aristanis, de sa foxi de su frùmini Tirsu e de sa citadi de Aristanis etotu, acanta de Crabas, bidda chi, a dii de oi, ndi est fratzioni de importu. Solanas in s’Edadi de Mesu fiat una biddixedda e ddi naraiant “Salanis”.

Su logu innui fiat nàscia custa biddixedda fiat meda populau, giai de su tempus de is fenìcius, poita fiat una partidura de Tharrus, citadi de importu mannu inguni acanta. Sa bidda in s’Edadi de Mesu fiat parti de sa Curadoria de su Campidanu Majori o de Cabras, me in su rènniu de is giùigis de Arborea, a su rei de custu Istadu, Gonàrio Comita de Gunale, a s’incumentzu de su XI sèculu, ddi naraiant “de Salanis” incapat a inditai ca ndi aproliaiat de custa bidda. Sa bidda de (“villa” - bidda)  Solanas , meda bortas, aiat  patiu  de is fatus de sa bidda acanta, (“villa” – bidda) de Crabas. In s’annu 1324 fiat nàsciu su Rènniu de Sardigna, auniu a sa Corona de Aragona, in antis alleau e a pustis nemigu de su Rènniu de Arborea. Is chi arrapresentaiant Solanas aiant pigau parti a sa “Corona de Curadoria”po sa paxi abarrada pagu de s’annu 1388 intra de is duus Istadus in gherra. Impiticau po nexi de sa gherra su Rènniu de Arborea, in s’annu 1410, Solanas  si fiat fata biddixedda de su Rènniu catalanu-aragonesu de Sardigna. A pustis, is biddas de sa chi fiat sa Curadoria de su Campidanu Majori, impari a cussas chi fiant in is Curadorias de su Campidanu de Simaxis e de su Campidanu de Milis, fiant intradas in su Marchesau de Aristanis e cuncèdias a Leonardo Cubello. Ispaciada sa famìllia Cubello, in su 1470, su Marchesau de Aristanis fiat passau a Leonardo d’Alagòn, de s’erèntzia de is ùrtimus giùigis de Arborea, chi si fiat procramau “defensori de is Sardus” chi, perou, si dd’aiant cunfiscau su 15 de Santu Aini de su 1477, a pustis de s’arribellada cosa sua a su Visu-rei aragonesu, Nicolò Carros de Arborea. Custu si fiat pigau incuru po chi Giuanni II “Su chentza de fidi” essit cundannau Leonardo d’Alagòn po delitu de maestadi e po fellonia. Su feudatàriu sardu aiat mòviu aici una arreghèscia chi, a s’incumentzu aiat biu is aragonesus incurtillaus in Casteddu e in S’Alighera, ma chi, a sa fini, fiat acabada mali cun sa batalla de Macumere de su 19 de maju de su 1478, candu is rebellus sardus aiant pèrdiu. Leonardo de Alagòn, cun is pagus fidelis abarraus, si nci fiat fuiu a Bosa po si nci andai a Genova, ma candu fiant in mari dd’aiant traixu e  intregau a s’ammiràlliu catalanu-aragonesu Giovanni Vilamarì, chi dd’aiat portau me in Valencia, in su presoni de Xàtiva, innui fiat abarrau fintzas a  si morri, in su 1494. Po mori de sa pregunta de is citadinus de Aristanis de lassai auniu su fèudu, in su 1497, Ferdinandu su Catòlicu etotu aiat pigau su tìtulu de Marchesu de Aristanis e aiat postu impari una borta po totus, su fèudu me in su Patrimòniu Reali, istituendi sa càrriga de “arricidori de su Marchesau de Aristanis e cussòrgia de su Gocèanu” (1481-1560), mudada, a pustis, a “Regidori de sa tesoreria generali de su Rènniu”. Est de crei ca a Solanas, in s’edadi moderna, dd’apant atacada medas bortas is piratas barbarescus chi praticaiant su mari e nci intraiant me in is Campidanus po fai bardanas de cali si siat arratza. In s’annu 1647 un’iscussura manna de pibitziris aiat portau dannus mannus a sa messaria e a s’economia de su logu. In s’annu 1652 sa bidda fiat tocada de pesta. Po nexi de custas  disgràtzias sa bidda aiat arriscau de si spopulai, ma sa fortza e s’ànimu de is bividoris aiat poderau e sa comunidadi fiat abarrada aunida apari. In s’annu 1767, Solanas  fiat intrada a fai parti de su Marchesau de Arcais , chi si fiat formau cun is terras chi fadiant giai parti de su Marchesau de Aristanis, chi is intradas ddas aiant giai assinnadas a su feudatàriu nou, Damianu Nurra, impari a su tìtulu de Marchesu de Arcàis. Is cunditzionis noas fiant grais meda po Solanas, e po totu is biddas de is tres Campidanus (Crabas, Milis, Simaxis), tanti chi is vassallus si fiant arrefudaus de pagai is tributus feudalis. Faci a  su 1780-1785, e cun su passai de is annus, peliaiant sèmpiri de prus a sa populatzioni de pagai atrus agràvius a prus de cussus chi giai nci aiant, fendi nasci murrùngius e iscontròrius, su tanti de portai a sa populatzioni a s’opressioni e a depi pagai a marolla is diritus baronalis. In su mesi de austu de su 1789, sa “villa”de Solanas, fèudu de su Marchesu de Arcais, aiat arrefudau de pagai e de ghetai me in is magasinus feudalis is “diritus baronalis” . Unus otanta solanesus, òminis e fèminas, si fiant furriaus mali, candu cincu sordaus aiant provau a ddus fai ponni in menti cun sa fortza e a ddis fai pagai su chi ddis fiat pediu, is solanesus arrennegaus meda, aiant obrigau a is sordaus a s’arretirai e a lassai a perdi cali si siat atzioni contra de issus. S’esèmpiu de Solanas dd’aiat sighiu fintzas sa genti acanta de Donigala , mancai sena de umperai sa fortza. S’atu de arrebellada de is solanesus, in dònnia manera non fiat abarrau sena de castigus: is cumandantis de su movimentu populari Franciscu Ennas, Pissenti Muscas, Giuanni Marras e Luisu Ligia aiant pagau,e a prètziu mannu puru, is ameletzus fatus a is tròparas de su Rei, tanti chi a su primu dd’iant cundennau a dexi annus de presoni, su de duus a cincu e totu is atrus a tres annus. Mortu su Marchesu Damianu Nurra, su fèudu fiat passau a su nebodi Franciscu Flores, chi si dd’iant arriscatau in su mesi de maju de s’annu 1838. Cun su decretu de su Rei n.19 de su 5 de gennarxu de su 1938, su Comunu de Solanas  dd’iant iscancellau e postu impari a su de Crabas, chi ndi est a dii de oi fratzioni de importu cun prus o mancu 1.150 bividoris.

 
Circa e traballu: Dot.Marco Meli – Servìtzius Demogràficus de su Comunu de Crabas

 

Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)