Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Museo Civico di Cabras


Museo Civico di Cabras

Dove si trova?

Museo - Via Tharros, snc - 09072 - Tel. 0783.290636
Area Archeologica di Tharros c/o San Giovanni di Sinis - tel. 0783.370019


Orari Museo, Tharros e Torre di San Giovanni


Il Museo



Il Museo, inaugurato il 28 dicembre 1997, è situato sul bordo dello Stagno di Cabras, alla periferia dell'abitato. Nelle sale del Museo è in esposizione un'ampia raccolta di materiali archeologici provenienti principalmente dagli scavi effettuati nel sito di Cuccuru Is Arrius, negli anni 1978-80, ed a Tharros, dagli anni '50 in poi. I materiali della sezione dedicata a Cuccuru Is Arrius documentano una sequenza insediamentale che dal Neolitico Medio giunge fino al periodo romano.

Della necropoli ipogeica di cultura Bonu Ighinu (Neolitico Medio) sono esposti materiali di corredo, tra cui diversi idoletti femminili di tipo volumetrico, ceramiche, elementi di collana, punte di zagaglia in osso e microliti geometrici in ossidiana. All'interno della stessa sezione ampio spazio è dedicato alle ceramiche e agli strumenti litici provenienti dai villaggi di cultura San Ciriaco (Neolitico Medio Superiore), San Michele di Ozieri (Neolitico Superiore) e sub-Ozieri (Eneolitico). Caratteristici della fase culturale Ozieri sono alcuni idoletti femminili e uno maschile in terracotta e in marmo. Dall'area del tempio a pozzo nuragico, riutilizzato in età romano-repubblicana come sede di un culto agrario, provengono delle statuine fittili femminili panneggiate e vari altri ex-voto. Completano la documentazione sull'insediamento i materiali di corredo della necropoli romano-imperiale (I-III sec. d.C.).

La sezione riservata a Tharros propone un quadro delle indagini archeologiche condotte nel sito dal secolo scorso in poi. Buona parte dell'esposizione è dedicata al tipico santuario fenicio-punico, il tophet, con un'ampia documentazione grafica e fotografica che ripercorre la storia dello scavo e ne illustra i caratteri. Le numerose urne fittili, in alcuni casi con ricca decorazione dipinta, e le relative coperture, offrono un'ampia esemplificazione della ceramica tipica del santuario tharrense. Le stele in arenaria, esposte nella sala centrale del Museo, ben rappresentano questa categoria artigianale con esemplari che sono tra i più caratteristici e noti di Tharros. Alcuni piccoli oggetti rinvenuti all'interno delle urne assieme ai resti incinerati dei fanciulli e degli animali, quali amuleti e altri elementi d'ornamento, ampliano la documentazione sul tophet.

Uno spazio non secondario è dedicato ai risultati delle più recenti campagne di scavo condotte nel vicino quartiere artigianale. Oltre ai materiali ceramici, ai frammenti di terrecotte e di vasetti in pasta vitrea, di particolare interesse sono le scorie di ferro, i boccolari, i frammenti delle pareti delle fornaci che testimoniano l'intensa attività metallurgica svoltasi in età punica nell'area. Alcuni pannelli didascalici mostrano i risultati delle indagini archeometriche condotte di recente su questi ultimi materiali. La città di Tharros romana e paleo-cristiana, illustrata in due grandi pannelli, è rappresentata essenzialmente da materiali ceramici e lapidei, tra cui alcune teste e frammenti architettonici in marmo, recuperati con gli scavi degli anni '50. Da segnalare poi un miliario in arenaria rinvenuto più recentemente nelle campagne di Cabras.

Una sezione del Museo è dedicata alle specie botaniche più caratteristiche dell'ambiente del Sinis, di cui viene data ampia documentazione descrittiva e fotografica.

Nell'atrio del Museo, infine, trovano spazio delle mostre temporanee dedicate agli aspetti archeologici e storici del territorio.




MUSEU CìVICU DE CRABAS

Innui s’agatat?

Museu - Bia Tharros,  121 - 09072 - Tel. 0783.290636
Àrea Archeològica de Tharrus c/o Santu Anni de Sinis - tel. 0783.370019


Oràrius Museu, Tharros e Turri De Sant' Juanni

Su Museu



Su Museu, incingiau su 28 de nadali de su 1997, s’agatat a oru de su Stàinu de Crabas, me in s’essida de sa bidda. Me in is aposentus de su Museu si podit biri una arregorta manna de materialis archeològicus chi ndi arribant po su prus de is iscavus fatus in su logu de Cùcuru Is Arrius, in is annus 1978-80, e a Tharrus, de is annus '50 in antis. Is materialis de sa setzioni dedicada a Cùcuru Is Arrius testimòngiant una filera de insediamentus chi de su Neolìticu Mesanu ndi lompit fintzas a su tempus de is romanus.

De sa necropoli ipogèica de sa cultura de Bonu Ighinu (Neolìticu Mesanu) ddui funt in mosta materialis de frunimentu, intra de custus unus cantu idoleddus de fèmina de tipu volumètricu, ceràmicas, partis de cannacas, puntas de zagàllias de ossu e microlitus geomètricus de pedra crobina. A intru de custa setzioni etotu logu meda est dedicau a is ceràmicas e a is ainas de pedra chi nd’arribant de is biddixeddas de cultura Santu Cìrigu (Neolìticu Mesanu Superiori), Santu Miali de Otzieri (Neolìticu Superiori) e sub-Otzieri (Eneolìticu). Tìpicus de sa fasi culturali Otzieri funt unus cantu idoleddus de fèmina e unu de òmini de terracota e de màrmuri. De s'àrea de su tèmpiu a putzu nuràgicu, torrau a umperai in s’edadi romanu-repubblicana cumenti a logu de cultu agràriu, nd’arribant unas cantu istatueddas de terracota de fèmina bistida a pannus chi arruint beni e una surra de promissas. Acabant sa documentatzioni de s’insediamentu is materialis de frunimentu de sa necròpoli romanu-imperiali (I-III sèc. d.C.).

Sa setzioni dedicada a Tharrus proponit unu cuadru de is circas archeològicas fatas me in su logu movendi de su sèculu passau in antis. Sa parti manna de sa mosta est dedicada a su santuàriu tìpicu de sa civiltadi fenìciu-pùnica, su tophet, cun una documentatzioni manna de gràfica e de fotografias chi sighit s’istòria de s’iscavu e ndi ammostat is calidadis. Sa surra de vasus de terracota, chi a bortas funt arricus de decoraduras pintadas, e is cobertoris insorus, giaint unu esèmpiu mannu de sa ceràmica tìpica de su santuàriu de Tharrus. Is losas de pedra de arena, ammustradas me in sa sala de mesu de su Museu, faint biri beni custu tipu de produzioni cun esemplaris chi funt intra de is prus caraterìsticus e connotus de Tharrus. Unus cantu trastixeddus agataus a intru de is vasus impari a is arrestus abruxaus de pipius e de animalis, comenti a sabègias e atrus elementus de ornamentu, ammànniant sa documentatzioni de su tophet.

Unu logu chi ballit a su pròpiu est dedicau a is arresurtas de is campànnias noas de iscavu fatas in su bixinau acanta de is artisanus. In prus de is ceràmicas, de tistivillus e de arrogalla de vasixeddus de pasta de imbirdi, de interessu mannu funt is ischerdas de ferru, is bucas de su forraxi, is arrogus de muru de is forraxis chi testimòngiant s’atividadi manna de metallurgia praticada in s’edadi pùnica me in s’àrea.
Unus cantu tàulas cun is ispiegatzionis ammostant is arresurtas de is circas archeomètricas fatas de pagu asusu de custus materialis. Sa citadi de Tharrus romana e paleo-cristiana, ispiegada in duus pannellus mannus, est ammostada po su prus cun materialis de ceràmica e de pedra, intra de custus concas e arrogus de fàbricus de màrmuri, coberaus cun is iscavus de is annus '50. De sinnalai fintzas pedra miliari de arena agatau pagu tempus a oi me in su sartu de Crabas.

Una setzioni de su Museu est dedicada a is arratzas botànicas prus tìpicas de s’ambienti de su Sinis, e chi si ndi giait documentatzioni meda, de iscrituras e de fotografias.

In s’intrada de su Museu, po acabai, agatant logu is mostas temporàneas dedicadas a is aspetus archeològicus e istòricus de su territòriu.

Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)