Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Le Torri Costiere

Le torri costiere

Al territorio di Cabras diversi autori attribuiscono cinque torri costiere, tre di queste sono ubicate direttamente sul litorale. Esse avevano il compito di sorvegliare le coste dalle frequenti incursioni dei "barbareschi", oltre a quella di impedire attracchi di imbarcazioni infette o sospette di contrabbando. Particolarmente importante era la sorveglianza in prossimità di tonnare e peschiere, come a Cabras, più volte colpita dagli attacchi dei corsari. La più grande e la più complessa è la torre spagnola di San Giovanni di Sinis che domina l'intera penisola di Capo San Marcoe sovrasta l'abitato di Tharros. É databile alla fine del Cinquecento ed ha subito un restauro fra il 1987 e il 1990. E come le altre, la torre era, infatti, accessibile, per ragioni di sicurezza, soltanto tramite una scala di canapa retraibile. É di tipica forma troncoconica ed è alta fra i 6 e gli 8 metri. Ai primi del ´700, appariva in disarmo in quanto inutile e sostituita da quella di San Giovanni di Sinis.La torre del Sevo, volgarmente detta Turr'e Seu, oggi pertinente all'omonimo parco naturalistico, è del tipo piccolo e semplice, anch'essa di forma troncoconica. Continuò ad essere utilizzata fino alla dismissione dell'intero sistema di difesa costiero,avvenuta nel 1867.                                                                              



Is turris de is arriberas

A su territòriu de Crabas unus diversus autoris ddi bogant cincu turris costerinas, de custas tres funt allogadas inderetura a faci de mari. Fuànt po càstiu de is arriberas casi ca fuànt medas is isarrobatòrius de is “turcus-morus”, e po brivai de acostai barcas o contumidas o suspetadas de fai contrabbandu. Prus e prus de primori fut su càstiu in logu de tunnàrias e pischeras, che a Crabas etotu, ca fut istètia sugeta prus de una borta a atacus de curseris. De turri sa prus manna e cumplessa est cussa ispanniola de Santuanni de Sinnis chi impressat totu sa penìsula de suCapo San Marco Càbudu de Santu Marcu e dòminat su populau de Tharrus. Fait a dda datai a s’iscoada de su Cincuxentus e dd’ant fatu acòncius de su 1987 a su 1990. Comenti e is àteras, difatis, in sa turri po mori de seguràntzia fadiat a artziai isceti a iscala de cànnau a arretirai. Tenit sa forma a corru truncau annotada e est arta a tretu de 6 a 8 metrus. A primìtzius de su ‘700 fut iscabudada ca fut bènnia inùtili ca nchi dd’aiant cambiada cun sa de San Giovanni di Sinis Santuanni de Sinnis.
Sa Turri de Seu, chi a diis de oi apartenit a su parcu naturalìsticu omònimu, est de cussas pitias ischetas, e in forma de corru truncau etotu. Dd’ant sighida a impitai po cantu at durau totu su sistema de defensa costiera, acessau in su 1867.






Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)