Foto Foto Foto Foto Foto Foto

L'ipogeo di San Salvatore

L'antico villaggio di San Salvatore, costruito tra il '600 e il '700, rappresenta uno dei più importanti villaggi di cumbessias (alloggi per pellegrini) della provincia. Il piccolo agglomerato fu costruito attorno alla omonima chiesa che, edificata nel XVII secolo sopra l'antico ipogeo, è tuttora officiata dai fedeli. Si tratta di un ambiente con copertura di tegole, sostenuto da un arco che delimita una piccola navata sulla destra.
Attraverso una botola, che si apre su una scala scavata nella viva roccia, si accede all'ipogeo di origine nuragica dedicato al culto pagano delle acque. Scavato nella roccia per tutta la parte inferiore, è superiormente formato da filari di mattoni e filari di blocchetti di arenaria e presenta nelle pareti numerose iscrizioni e pitture che vanno da quella paleocristiana fino al medioevo. Si possono ammirare delle raffigurazioni di divinità, tra cui è possibile riconoscere Ercole che abbatte il leone Nemeo, le navi, le scritte in arabo e in greco e l'immagine di Venere.
L'edificio non ha vaste dimensioni: circa dieci metri di lunghezza per altrettanti di larghezza; la pianta, composta da vari ambienti, è accentrata attorno a un pozzo sacro, dentro un atrio circolare, coperto da una cupola e aperto in alto al centro.
Il pozzo circolare, nel quale è posto un betilo di età nuragica, rappresenta il punto centrale del culto delle acque, che in nessun altra regione pare aver avuto una così grande importanza come nella religione primitiva della Sardegna.



S’ipogeu de Santu Srabadoi

S’antigu populau de Santu Srabadoi, pesau a tretu de su ‘600 a su ‘700, est bidda de cumbessias (allògius po pillingrinus) de is prus nodias de sa provìncia. Su populaeddu dd’aiant fabbricau a inghìriu totu de sa crèsia omònima chi aiant murau in su séculu XVII asusu de s’ipogeu antigu, e dd’abitant is costantis  ancora a diis de oi. Trataus de unu locali cun cobertura de tèulas, pompiau de un’arcu chi arrematat unu curridorieddu postu a manu dereta. Imperriendi in una trapa, chi giait a un’iscala bogada in s’arroca bia, s’imbucat in s’ipogeu de orìgini nuràgica chi fut po su cultu paganu de s’àcua. Bogau in s’arroca in su de bàsciu, a parti de susu est formau cun filadas de matonis e filadas de cantonis de pedra de arena e me in is murus portat iscrituras medas e pinturas chi torrant a tretu de s’època pàleo-cristiana a s’edadi de mesu. Fait a ddoi mirai figuras de deidadis, e inter cussas fait a connosci a Èrcoli bochendi su lioni Nemeu, unas navis, iscrituras in arabu e gregu e sa bisura de Venus.
 
Su fàbbricu no est de portada manna: unus deghi metrus de longària po àteru etanti de largària; sa pranta, formada de unus cantu ambientis, inghiriat una funtana sagrada posta aintru de un’andarinu tundu, amuntau a tzimbòriga e abertu in artu in mesu.
 
Sa funtana tunda, aintru de innui est allogida una pedra fita de s’èdadi de is brachis, est su coru de su cultu de s’àcua, ca parit chi in noinlogu siat cumpàssiu tanti cantu in sa religioni primitiva de Sardìnnia.
 



Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)