Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Feste e Sagre

La "Sagra della Bottarga"


Ad agosto Cabras dedica alla bottarga di muggine una sagra che offre l'opportunità di degustarla con le molteplici portate di antipasti, primi e secondi piatti. La "Sagra della Bottarga", manifestazione che valorizza la cultura, la storia e gli aspetti gastronomici di questo prelibato alimento costituito da uova di muggine lavorate in modo da divenire un vero e proprio "caviale" del Mediterraneo.
In occasione della Sagra l'amministrazione comunale organizza stands per la degustazione e la vendita promozionale di bottarga distribuendo inoltre un interessante fascicolo in cui sono presentate numerose ricette con l'impiego della bottarga. Le uova di questo muggine (cefalo volpino) vengono lavorate ricoprendole dapprima con sale e successivamente pressate ed esposte all'aria in modo naturale per la stagionatura. Il risultato è una tavoletta dal colore ambrato, morbida dal gusto intenso e delicato che può essere consumata a crudo, affettata nell'olio d'oliva; ottimo il suo impiego grattuggiata su una svariata serie di antipasti e primi piatti e impareggiabile se consumata spalmata su pane abbrustolito con aggiunta di burro.



Sagra del pesce © AMP

Feste religiose

Santa Maria Assunta

In  Maggio (il 24), si svolge la festa di Santa Maria Assunta, patrona del paese. La festa di Santa Maria dura tre giorni durante i quali non mancano balli in piazza, spettacoli vari e fuochi d'artificio.


Sant'Antonio da Padova

Il 13 Giugnoè onorato Sant'Antonio da Padova con processione religiosa e spettacoli vari.

San Giovanni Battista

Nel mese di Agosto, quasi in concomitanza con la festa di Sant'Agostino organizzata nella stessa chiesa dai fedeli di Nurachi, presso la chiesa di San Giovanni di Sinis, si svolge, per tre giorni, la festa di San Giovanni Battista.

La corsa degli scalzi

Il piccolo villaggio di San Salvatore prende vita nelle ultime settimane d'agosto diventando lo scenario dell'emozionante manifestazione conosciuta come "Corsa degli scalzi", da considerarsi di particolare rilievo per il contesto in cui si svolge e per il fervore con cui è vissuta. A partire dalle ultime settimane d'agosto, un gruppo di donne vestite del tipico costume di Cabras e a piedi nudi, porta in processione il simulacro del Santo dalla chiesa Maggiore di Cabras al santuario di San Salvatore, laddove i riti religiosi si susseguono per nove giorni. La corsa vera e propria ha inizio all'alba del primo sabato di settembre. Procurato "s'abidu" (abito di confraternita) i giovani si danno convegno nel sagrato della chiesa Maggiore di Cabras, da lì il simulacro viene portato in processione fino alla periferia del paese. A questo punto "is curridoris" (si pronuncia "curridorisi" e significa corridori) legano "s'abidu" all'altezza della vita, coprono la lettiga che racchiude il simulacro del Santo e iniziano la corsa fino al villaggio di San Salvatore di Sinis. Una "muda" composta da due giovani corridori tiene la portantina col simulacro e nessuno dovrà tentare di superarla. Ogni cento metri si danno il cambio e durante il percorso gridano "Viva Santu Srabadoi" (San Salvatore). Arrivati al villaggio "is curridoris" vengono accolti da centinaia di fedeli e dai turisti. Il medesimo rituale si svolge la domenica seguente con l'itinerario contrario fino a concludersi all'ingresso del paese dove li attende un'immensa folla che darà vita alla processione che si concluderà di fronte al sagrato della chiesa di Santa Maria Assunta. "Is curridororis" si danno appuntamento "A attrus annus". Il lunedì seguente le donne in processione riportano il simulacro nella chiesa Maggiore. Il rito della corsa degli scalzi vuole essere di buon auspicio per il raccolto, la pescosità nello stagno e la fertilità delle greggi.


Processione di Santa Maria Assunta © Editrice S'Alvure La corsa degli scalzi © E. Trainito



Sa “Sagra de sa Butàriga”

In su mesi de austu Crabas dèdicat una sagra a sa butàriga de pisci de iscata chi est una cumbenèntzia po dd’assaboriri in tantis portadas de antepàstus, primus e segundus pratus. Sa “Sagra de sa Butàriga” est una manifestatzioni chi avalorat sa cultura, s’istòria e is formas gastronòmicas de custu alimentu licàngiu fatu de is ous de su pisci de iscata tribballaus po chi siat su beridadosu “caviali” de su Mediterràneu. Po sa sagra s’Aministratzioni comunali cuncordat paradas po s’assàgiu e sa bèndida promotzionali de butàriga, e passat fintzas unu fascìculu interessanti innui ddoi funt unu bellu nùmuru de arretzetas de pratus cun butàriga. Is ous de su pisci de iscata (cefalo volpino) ddus triballant a primu amuntaus a sali e a coa catzigaus e postus a pupa a s’ària in manera naturali po sa tèmpera. S’arresurtau est custu follu in colori de tzòchiri, modditzanu e de sapori potenti e dilicau, chi fait a papai cruu afitau in ollu armanu; mellus e mellus tratagasau e postu a cundiri una cantidadi de antepastus e primus pratus e no nch’at s’uguali si est a dda papai istèrria in su pani arridau e aciuntu butirru.

Festas de crèsia

Santa Maria Assunta

In su mesi de maiu (su 24) si fait sa festa de Santa Maria Assunta, patrona de sa bidda. Sa festa de Santa Maria durat tres diis innui non mancat ballus in pratza, ispetàculus vàrius e arroda.

 

Sant’Antoni de Pàdua

Su 13 de làmparas s’onorat Sant’Antoni de Pàdua cun prucessioni e ispetàculus vàrius. 

 

Santu Giuanni Battista

Me in su mesi de austu, giai paris cun sa festa de Sant’Austinu chi faint in sa matessi crèsia is costantis de Nurachi, in sa crèsia de Santuanni de Sinnis chiesa di San Giovanni di Sinis  si fait tres diis sa festa de Santu Giuanni Batista.

 

Is curridoris

Sa biddighedda de Santu Srabadoi s’allutat me in is ùrtimas chidas de austu po depi fai de fundali a sa manifestatzioni ispantosa connota po “Corsa degli Scalzi” e chi cherit carculada importanti meda bistu su cuntestu innui si fait e su fervori de sa genti. De is ùrtimas chidas de austu in susu, unu cumbènniu de fèminas bestias a sa crabarissa e iscurtzas, nchi portat su Santu a prucessioni de Crèsia Manna de Crabas fintzas a su santuàriu de Santu Srabadoi, innui si sighit is ritus cresiàsticus fintzas a noi diis.

Sa cursa bera primitziat su primu sàbudu de cabudanni orbescendi soli.

Cuncordau s’”àbidu” (bestiri de cunfraria) is giòvunus disponint po assortiri totus a sa pratza de sa Crèsia Manna de Crabas, e de innia si portat su Santu a prucessioni fintzas a is ùrtimas domus de sa bidda. Insaras is curridoris s’acàpiant s’àbidu in chintzu, acavannant su nìciu de su Santu e iscapant a curri fintzas a sa bidda de Santu Srabadoi de Sinnis. Una ”muda” de duus curridoris giòvunus pompiat s’àndia de s’istàtua de su Santu e nisciunus dda depit intentai de coigiai.

De in centu metrus in centu metrus càmbiant sa muda e caminu-caminu tzèrriant: “Bivat Santu Srabadoi!”. Imbàtius a sa biddighedda is curridoris funt arricius de divotus e turistas a centus e centus. Su matessi rituali si torrat a fai àtera domìniga a caminu imbressi a acabai in s’intrada de bidda, innui est un’iscrusciu de genti chi depint formai sa prucessioni chi finit ananti de pratza de crèsia de Santa Maria Assunta. Is curridoris si giaint apuntamentu “A atrus annus”. Su lunis in fatu is fèminas a prucessioni formada nchi torrant su Santu a Crèsia Manna. Su ritu de is curridoris est po mori de augùriu po s’incùngia, po essi piscosu s’istàinu e po angiai meda su bestiàmini.

 
PAGINA IN COSTRUZIONE!




Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)