Foto Foto Foto Foto Foto Foto


A.I.R.E.
(anagrafe italiani residenti all'estero)

SEDE E UFFICI: Palazzo Municipale: via Dante Alighieri, 21 piano terra
 
RESPONSABILE DEL SERVIZIO:   Dott. Marco Antonio MELI


RESPONSABILE PROCEDIMENTO ED UFFICIALE D'ANAGRAFE:

Rag. Anna Rita MINNAI       
Tel. 0783-397301 

Fax: 0783-397319        pec: demografici.cabras@pec.it

DI COSA SI OCCUPA
L'Anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'Estero - A.I.R.E.  istituita con la Legge 27 ottobre 1988, n. 470 - G.U. n. 261 del 07.11.1988 con successiva modificazione che sono entrate in vigore dal 16 Giugno 2002) sono tenute presso i Comuni e presso il Ministero dell'Interno.
Tale Anagrafe "speciale" mantiene un collegamento tra il cittadino italiano all’estero ed un Comune in Italia permettendo nel contempo la sua iscrizione nelle liste elettorali.
L'Anagrafe A.I.R.E. del Comune è costituita da archivi che raccolgono le Schede Individuali e le Schede di Famiglia eliminate dall'Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) in conseguenza del trasferimento permanente all'estero delle persone cui esse si riferiscono. L'Anagrafe istituita presso il Ministero dell'Interno contiene i dati desunti da tutte le Anagrafi dei comuni e dalle dichiarazioni rese a norma dell'art.6 della legge di cui sopra.
La stessa Anagrafe contiene, inoltre, i dati dei cittadini nati e residenti all'estero.
L'art.1, comma 8 della suddetta legge dispone che non sono iscritti nell'Anagrafe i cittadini che si recano all'estero per cause di durata limitata non superiore ai dodici mesi. Non sono altresì iscritti nella stessa anagrafe, i cittadini che si recano all'estero per l'esercizio di occupazioni stagionali;
L'articolo 2 delle legge in questione dispone che l'iscrizione all'A.I.R.E. deve essere effettuata nei seguenti casi:
a) per trasferimento della residenza da un comune italiano all'estero;
b) per trasferimento dall'A.I.R.E. di altro comune o dall'Anagrafe di cui al comma 4 dell'art.1, quando l'interessato ne faccia domanda, avendo membri della famiglia iscritti nell'A.I.R.E. o nell'Anagrafe della Popolazione Residente del Comune;
c) a seguito della registrazione dell'Atto di Nascita;
d) per acquisizione della cittadinanza italiana da parte di persona residente all'estero;
e) per esistenza di cittadino all'estero giudizialmente dichiarata.
I cittadini italiani che trasferiscono la loro residenza da un Comune italiano all'estero devono farne dichiarazione all'Ufficio consolare della circoscrizione di immigrazione entro novanta giorni dell'immigrazione. La suddetta iscrizione sarà perfezionata solo ed esclusivamente al momento della conferma da parte dell'Autorità Consolare Italiana all'Estero.
I cittadini italiani residenti all'estero che cambiano residenza o abitazione sono tenuti a farne dichiarazione entro novanta giorni all'ufficio consolare nella cui circoscrizione si trova la loro nuova residenza o abitazione.
In caso di dubbio o di risultanze contrastanti sulla fissazione della residenza all'estero, l'Ufficio consolare, anche con la collaborazione delle autorità' locali, accerta la veridicità  della dichiarazione resa e provvede ai conseguenti adempimenti.
            Per i cittadini italiani residenti all'estero è obbligatorio iscriversi all'A.I.R.E. perché solo ad essi sono riservati i servizi consolari che per legge sono erogabili dall'Ufficio.

L'iscrizione all’A.I.R.E. è un diritto-dovere
di tutti i cittadini italiani che risiedono permanentemente all’estero.

I cittadini iscritti all'A.I.R.E. possono richiedere all'anagrafe del Comune di iscrizione soltanto la carta d'identità e i certificati di residenza e stato di famiglia. Gli altri certificati (cittadinanza, stato libero ...) possono essere rilasciati esclusivamente dall'autorità consolare. In occasione delle consultazioni elettorali  gli iscritti A.I.R.E., per i quali non sono ancora attive le convenzioni per il voto all'estero, ricevono al proprio indirizzo la comunicazione per recarsi nel Comune di iscrizione e partecipare alla votazione usufruendo delle agevolazioni sul viaggio. Qualsiasi variazione sulla composizione della famiglia o dell'indirizzo estero deve essere comunicata dall'interessato al Consolato o direttamente al Comune di iscrizione A.I.R.E.
Poiché il Comune di iscrizione A.I.R.E. corrisponde al Comune di iscrizione nelle liste elettorali il cittadino, in possesso di capacità elettorale, eserciterà il diritto di voto in tale Comune.
Le cancellazioni dalle liste elettorali dei cittadini italiani residenti all’estero si effettuano per:
  • Immigrazione dall’estero in altro Comune Italiano;
  • Decesso, compresa la morte presunta giudizialmente dichiarata;
  • Perdita della cittadinanza italiana;
  • Perdita del diritto elettorale;
  • Trasferimento nell’A.I.R.E. di un altro Comune;
  • Irreperibilità presunta.
I cittadini regolarmente iscritti all’A.I.R.E., così come i residenti in Italia, hanno il diritto di esercitare il voto per tutte le consultazioni elettorali e referendarie che si svolgono in Italia e sono regolarmente iscritti nelle liste elettorali tenute dai comuni italiani.
Tutti i cittadini italiani residenti all'estero, iscritti nelle liste elettorali del Comune, per poter esercitare il diritto di voto in Italia, devono recarsi presso il proprio ufficio elettorale di iscrizione in Italia e ritirare la tessera elettorale, se non già in loro possesso.


AGEVOLAZIONI PER GLI ELETTORI SARDI RESIDENTI ALL'ESTERO

Qualora, In Sardegna, si svolgano consultazioni elettorali e/referendarie e siano relative a: 
Elezioni comunali, elezioni provinciali, elezioni regionali, referendum regionali,

la Regione Autonoma della Sardegna, ha previsto, con relativa norma di legge, un contributo forfetario per coloro che, risiedendo all’estero, rientrino in Sardegna per esercitare il diritto di voto.
Esistono tuttavia dei limiti e condizioni. In particolare, 
rispetto al giorno delle consultazioni, l’elettore deve dimostrare, con idonea documentazione:

a)    di aver votato (risulterà dal timbro di sezione apposta sulla Tessera elettorale);

b)    di essere arrivato in Sardegna entro i due mesi precedenti il giorno delle consultazioni e di ripartire entro i due mesi successivi (è necessario esibire i regolari biglietti di viaggio);

c)    esibire regolare documento di identità valido.

Il contributo forfetario previsto per quanto sopra corrisponde a:
  • €uro 361,52 per chi proviene da paesi europei
  • €uro 619,75 per chi proviene da paesi extraeuropei.
Per ogni chiarimento e per le modalità di rimborso, è necessario rivolgersi al Comune di iscrizione ELETTORALE, nella fattispecie, il Comune di Cabras - Servizio Elettorale - durante le ore di apertura al pubblico.

Destinatari:
Elettori Sardi residenti all'estero, regolarmente iscritti all'A.I.R.E. del Comune di Cabras; 

Requisiti:
Gli elettori devono essere:
  • regolarmente iscritti all'Anagrafe Italiana Residenti all'Estero (A.I.R.E.) di un Comune sardo (possono beneficiare dell'agevolazione anche gli elettori per i quali la procedura di iscrizione sia ancora in corso, solo se attestata dall’Ufficio consolare dello Stato estero di provenienza); 

  • aver votato in occasione di consultazioni per il rinnovo del Consiglio comunale e per l'elezione del Sindaco o in occasione di elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale o Regionale oppure di Referendum abrogativi e consultivi a carattere strettamente regionale; 

  • aver compiuto il viaggio di arrivo al Comune sardo non prima di due mesi dalla data delle votazioni e quello di rientro al Paese estero non oltre i due mesi successivi.

Non hanno, invece, diritto al contributo gli elettori che si trovano all’estero per motivi di studio o per lavoro a tempo determinato che non possono, per legge, trasferire la residenza all’estero.

Termini di presentazione:
Gli elettori interessati devono richiedere il contributo prima del rientro al Paese estero.

Documentazione:
L'elettore deve presentare al Comune di Cabras in cui ha votato:
- biglietti di viaggio per l’andata ed il ritorno;
- tessera elettorale vidimata dalla sezione elettorale dove ha votato;
- documento d'identità in corso di validità. 
Gli elettori sardi iscritti all'anagrafe italiana residenti all'estero e quelli che hanno in corso la procedura di iscrizione, attestata dall’Ufficio consolare dello Stato estero di provenienza, hanno diritto ad un contributo per la partecipazione al voto.
Il contributo viene erogato dall'Amministrazione comunale presso la quale l'elettore ha votato. 
Per quanto riguarda il pagamento delle somme agli elettori, l'interessato deve presentarsi presso il Comune nel quale ha votato e consegnare al funzionario incaricato la documentazione necessaria suindicata. 
In caso di ballottaggio, l'elettore rientrato all'estero che affronta un nuovo viaggio ha diritto ad un ulteriore contributo dello stesso importo, se dimostra, con i biglietti di viaggio dell'intero tragitto, l'avvenuto spostamento.

Ulteriori approfondimenti al sito della Regione Autonoma della Sardegna:
Per maggiori informazioni sul voto degli italiani all’estero, consultare il sito del Ministero affari Esteri - www.esteri.it – in cui si possono trovare i riferimenti normativi.
 





Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)