Il Comune affida alla Questura due biciclette per il presidio sui litorali e nelle aree umide

Questa mattina nella sala giunta del Comune, il Sindaco Andrea Abis, il Questore di Oristano Giuseppe Giardina e il Prefetto Fabrizio Stelo hanno dato il via a un accordo di collaborazione per la vigilanza costiera e la sicurezza pubblica nell'Area Marina Protetta Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre mediante l’uso di mezzi biciclo.

La Questura di Oristano attraverso la Squadra Acque Interne dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, opera costantemente per il controllo lungo i litorali, le rive e gli argini fluviali attraverso i propri mezzi nautici e gli autoveicoli.

A partire da oggi Cabras potrà usufruire del servizio in misura maggiore grazie all’ausilio di due biciclette marchiate Polizia di Stato che grazie all’accordo sono state acquisite dall'amministrazione comunale  e affidate in comodato d'uso alla Squadra Acque Interne della Questura.

"Abbiamo colto con entusiasmo la proposta del Questore e partecipiamo con convinzione al progetto - dice il Sindaco Andrea Abis -. Questa amministrazione è sensibile al tema della sostenibilità e cura dell’ambiente e promuove da sempre con convinzione politiche di sicurezza stradale. Tra gli obiettivi che vogliamo perseguire c'è quello della promozione della viabilità lenta e della fruizione dei luoghi attraverso i percorsi ciclabili; essere affiancati in questa modalità operativa dai corpi di polizia, che per primi utilizzeranno i veicoli a due ruote nel controllo dei litorali, è un ulteriore passo avanti verso uno sviluppo territoriale orientato in tal senso".

L'iniziativa rientra all'interno del progetto sperimentale e innovativo della Questura oristanese che intende garantire una maggiore vicinanza al cittadino con la presenza di agenti in bicicletta, un binomio che funziona già nelle grandi città anche in occasione di importanti eventi nelle pubbliche piazze, dove la presenza di pedoni non consente un facile transito di mezzi a motore.

 “Abbiamo proposto questa collaborazione all’amministrazione di Cabras perché si tratta di un progetto che si sposa bene con le caratteristiche naturali del Comune, che oltre ad avere un litorale costiero presenta anche zone lacustri con acque interne. I nostri servizi sul territorio, in questo periodo in particolare la vigilanza a mare, sono costanti, ma grazie ai cicloveicoli sarà più facile per i nostri uomini raggiungere le zone umide garantendo un presidio accurato anche là dove è complicato arrivare attraverso i mezzi già in dotazione, come i veicoli e le moto d’acqua. L’iniziativa si traduce con una maggiore vicinanza al cittadino”.

Sono sei gli agenti della Squadra acque interne che si sposteranno sulle due ruote nei vari punti del vasto territorio comunale, dalla  marina al lungo stagno.

Il Prefetto Fabrizio Stelo plaude all’originalità dell’iniziativa, che vede nell’Area Marina Protetta il luogo ideale di partenza. “Il gioco di squadra tra enti e istituzioni permette di raggiungere risultati importanti che hanno il valore aggiunto della collaborazione interistituzionale. Le forze dell’ordine sono sempre impegnate nel mantenere gli standard di sicurezza della provincia, ma con iniziative come questa il servizio migliora a garanzia della comunità”.