“La giornata della Memoria: l’importanza del ricordo”. A Cabras una giornata dedicata alle scuole

In occasione della giornata della Memoria di venerdì 27 gennaio, l’Amministrazione guidata dal Sindaco Abis ha programmato una mattinata dedicata ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado e della classe quinta della primaria.

Gli alunni avranno l’occasione di riflettere sul dramma della Shoah in compagnia della dottoressa Eleonora Ninu, psicologa, psicoterapeuta e presidente dell’Osservatorio Cybercrime Sardegna che, con un linguaggio mirato, parlerà loro delle tematiche della memoria, della discriminazione, dei pregiudizi, soffermandosi sull’importanza del ricordo, come testimonianza e monito per le generazioni future, perché non si commettano mai i grandi errori del passato.

A seguire, l’associazione culturale Il Crogiuolo presenterà  “Una Bambina e basta”, spettacolo teatrale per voce recitante e arpa che descrive dal punto di vista di una bambina ebrea l’abominio dell’applicazione delle leggi razziali in Italia.

“Vogliamo accompagnare i ragazzi in un percorso costruttivo, affinché non siano solo custodi della memoria, ma percepiscano il valore dell’inclusione in ogni ambito, anche tra i banchi di scuola, luogo di crescita quotidiana per i nostri giovani” ha spiegato il Sindaco Andrea Abis.

“Partendo dalla Shoah i ragazzi saranno in grado di riconoscere ed avere consapevolezza delle forme di violenza e discriminazione odierne, come ad esempio il bullismo e il cyberbullismo, sviluppando una forma di accoglimento delle diversità come fonte di arricchimento” ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Carlo Trincas.

Alle ore 17, presso i locali di via Matteotti, la Biblioteca comunale organizza un pomeriggio a tema per un ulteriore approfondimento anche dal punto di vista pedagogico. Saranno letti i libri "Otto, biografia di un orsacchiotto" di Tom Ungerer, "L'albero di Anne" di Iréne Cohen-Janca e "La portinaia Apollonia" di Lia Levi.
Per iscrizioni, telefonare al numero 0783 290321 oppure scrivere un messaggio tramite i social della biblioteca.