Foto Foto Foto Foto Foto Foto

23/07/2016

Salvamento a mare. Chiarimenti

 Per quanto concerne il posizionamento dei salvagenti nella costa si ritiene opportuno fare della precisazioni ed evitare strumentalizzazioni su un argomento importante come il salvamento a mare.


L’Amministrazione Comunale già dal mese di Gennaio ha inviato continue note alla Regione Sardegna per implementare le risorse a favore dei comuni per il servizio di salvamento a mare ma l’assegnazione provvisoria delle risorse è avvenuta il 27 maggio e solo il 30 Giugno è divenuta definitiva. 

L’Amministrazione ha quindi atteso la certezza delle risorse pubblicando un bando destinato agli operatori economici e associazioni di volontariato che purtroppo è andato deserto. Non per questo ci si è fermati ma si è continuato a cercare soluzioni alternative per far partire nel più breve tempo il servizio.

Fatta questa premessa, si chiarisce che i salvagenti nelle coste NON SONO STATI POSIZIONATI per sostituire i bagnini, ma sono un piccolo supporto a servizio del bagnante e reputati di grande importanza per un primo soccorso in caso di pericolo. 

I cartelli (obbligatori ) invece, sui quali forse inconsciamente si ironizza, sono tipologie di supporto già utilizzate da tanto tempo in tantissime altre località balneari. Il posizionamento di questi dispositivi è stato programmato in aggiunta al servizio di salvamento non certo in alternativa, e l’acquisto dei salvagenti, insieme a tutta la cartellonistica, era stato deliberato dalla giunta il 4 marzo scorso e pubblicizzato anche da articoli sui giornali e sui social.

Per la situazione invece dei servizi igienici l'amministrazione si era già impegnata alla sistemazione degli stessi ma l'utilizzo delle risorse era legata all'approvazione del bilancio avvenuta qualche giorno fa. Pertanto è iniziata la sistemazione di tutti i servizi igienici presenti nelle coste dove è prevista la pulizia due volte al giorno, con la speranza che gli stessi siano utilizzati in maniera civile.

A malincuore si constata l'utilizzo di termini volgari e insulti gratuiti per lamentare un disservizio per il quale si sono scritte inesattezze di diverso genere. Esprimere il proprio parere e la propria contrarietà a delle scelte o per delle situazioni è alla base della democrazia e farlo in maniera educata è alla base del vivere civile. Le offese gratuite e ingiustificate fatte tramite uno strumento di comunicazione che dovrebbe essere utile ad informare e non a strumentalizzare le notizie, fanno male al territorio e non producono alcun risultato di miglioramento.

 

L’Amministrazione Comunale

Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
[                      e-Mail : protocollo@comune.cabras.or.it  -  P.E.C.:  protocollo@pec.comune.cabras.or.it                   ]