Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Chiese>Chiesa di San Salvatore

Chiesa di San Salvatore

La chiesa di San Salvatore è sorta verso la fine del XVIII secolo Di grande valore storico-culturale è l'ipogeo al quale si accede mediante una stretta scalinata, all'interno della stessa chiesa, per giungere in un andito con ai lati due camere rettangolari coperte con volte a botte. Procedendo nel corridoio si entra in una rotonda coperta a cupola con pozzo di aerazione centrale. Nel pavimento si trova un pozzo le cui acque - ritenute medicali - costituiscono il punto di partenza del culto. Dalla rotonda si accede ad altri tre vani, uno semicircolare (nel punto dove c'è un altare) e due laterali rettangolari; al centro del pavimento è aperto un pozzo circolare con un betilo nuragico. Sulle pareti di quasi tutti i vani, numerose immagini, segni di scrittura, vere e proprie scene di soggetto diverse (navi, due leoni, diverse figure di donne) fanno capire le diverse culture che si sono succedute.

Sicuramente di origine pagana, l'ipogeo è stato usato forse come catacombe, come carceri e come rifugio nei primi tempi del Cristianesimo. È forse nel IV secolo che viene adibito a culto cristiano ed è probabile che il pozzo del nucleo centrale venisse usato come battistero.

Nel villaggio, tutti gli anni, la prima domenica di settembre, si ripete la tradizionale processione nota come "Corsa degli scalzi".




Clicca sulle immagini per ingrandirle.

CRÈSIA DE SANTU SRABADOI

 

Sa crèsia de Santu Srabadoi dd’aiant pesada fachi a sa coa de su séculu XVIII. S’ipogeu est de càbudu istòricu-culturali mannu, e si ddoi imbucat po mesu de unus iscaleris istingus postus aintru de crèsia etotu, a nchi calai a un’andarinu cun duus aposentus a per parti retangularis amuntaus a bòvida a carrada. Avantzendi in su passadissu s’imbucat a una càmbara tunda amuntada a tzimbòriga cun una funtanedda me in mesu po intrai s’ària. Me in terra ddoi est una funtana e s’àcua de cussa – ca dda tenint po àcua mèiga figurat po s’iscapadorxu de innui aiant primitziau su cultu. De sa càmbara tunda s’imbucat a unus àterus tres aposentus, unu a mesu-chircu (a tretu de innui est s’artari) e duus retangularis a parti e àtera; in terra me in mesu ddoi at una funtana tunda cun una pedra fita nuràgica. Me in is murus de agiumai in totui pintus medas, sìnnias de iscritura, iscenas formadas chi figurant unus diferentis sogetus (navis, duus lionis, unas cantu pubas de fèminas) nos giaint a cumprendi is diversas culturas chi funt passadas innoi.

S’ipogeu est seguru ca est de orìgini pagana, e fortzis dd’aiant portau a usu de catacumba, de càrceri e de cuadorxu in primìtzius de Cristianèsimu. Fortzis est in su séculu IV chi dd’ant dirìgiu a su cultu cristianu e est a crei chi sa funtana de su de mesu fessit po lacu de batiai.
In sa biddighedda, ònnia annu, sa primu domìniga de cabudanni si torrat a fai sa prucessioni annotada chi ddi narant sa “Corsa degli Scalzi”.

 

Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971
Email PEC: comunedicabras@pec.it (Attiva sino al 19-09-2016) - protocollo@pec.comune.cabras.or.it (nuova PEC da utilizzare a decorrere dal 19-09-2016)